giovedì 31 marzo 2011

Dr. jekyll e mister hyde...

Penso che dentro ognuno di noi ci sia un dottor jekyll e un mister hyde.
Non parlo di maschere Pirandelliane (mangiato pane e cultura oggi a pranzo...) .
Secondo Luigi infatti noi recitiamo delle parti nella nostra vita ovvero indossiamo delle maschere che la società ci costringe a portare a seconda delle esigenze che essa ci pone davanti: sono in famiglia, metto un sorriso e risponderò sempre si mamma, si papà, Mattia (fratello) non rompere! Sono al lavoro: risponderò si, maestade! Sono con gli amici: yeah! Cammino per strada: testa bassa e passo veloce....
Non voglio parlare di questo, anche se lo trovo interessantissimo e magari avrò occasione di scriverci un post più avanti, bensì di una sfaccettatura vera e propria del carattere.

Esiste una Dani carina e spensierata. C'è, la vedo...a volte fischietta pure! E' la Dani di quando tutto va bene. Non necessariamente deve succedere qualcosa di particolare per farla emergere, a volte basta veramente poco per mantenerla in vita per qualche giorno...
Sorrisi, regali, messaggi nel momento giusto. A volte una cena ben riuscita, una giornata di sole, una piccola soddisfazione e la Dani migliore affiora!
Parla volentieri con tutti, anche con chi conosce poco, si guarda allo specchio ed è soddisfatta dell'immagine che si riflette. Sa dare parole di conforto, sa parlare dei propri problemi, accetta la critica ed è pure affettuosa.

Ne esiste un'altra, la parte peggiore della mia personalità. Questa esce fuori nel momento in cui l'altra abbassa un pochino la guardia. Questa  Dani mette il broncio ed è terribilmente cattiva.
Non parla, solo se strettamente necessario, è nervosa. Basta un messaggio di risposta che immaginava diverso per scaraventare il cellulare sul cruscotto della macchina. Piange tanto. Più per le tensioni che accumula che per vera e propria tristezza.
Sa fregarsene degli altri ai quali solitamente risponde con un va bè! Rosica dentro, si mangia le unghie in continuazione, si guarda allo specchio di sfuggita solo per sistemarsi i capelli.

Non sento che sia solo questione di alzarsi con la luna più o meno storta. A volte non riesco a controllarmi ed è tutto un correre a riparare i danni che la Dani cattiva combina...a volte basta un attimo, per chiedersi poi "ma cosa cacchio hai combinato?"

E' come avere un cigno bianco e un cigno nero che combattono dentro di  me...
è strano dirlo ma quello che sento di più è quello nero, come se la parte buona di me fosse solo una piccola parentesi.
Forse perchè è il più forte..non lo so!
Domani magari sarà diverso, mi sveglierò con un bel paio di ali bianche e venendo a rileggere questo post penserò" ma cosa diavolo hai scritto qui?"
Perchè ora, vi avverto, è la parte nera che sento dentro!

5 commenti:

Giulia Giarola ha detto...

Molto originale questa riflessione su te stessa Dani... non sarebbe male se ognuno di noi provasse ad analizzarsi come hai fatto tu con semplicità oggi! ;) anzi sarebbe un esperimento curioso per vedere cosa ne salta fuori... comunque... Se non hai ancora visto il film "Il cigno nero" te ne consiglio vivamente la visione visto che hai parlato di cigni e di "doppia personalità".... :P poi... la Dani triste mi ricorda un po' me stessa.. a volte piango non per la tristezza vera e propria ma per le tensioni che accumulo e ci metto meno di un secondo ad esplodere! è così, che ci vogliamo fare? :P molto meglio il tuo io buono.. quello solare, sorridente e spensierato! non è mai facile mantenere questa facciata di allegria soprattutto quando succedono cose che mandano in vacca i nostri tentativi nel rimanere felici.. dobbiamo lottare Daniiiii!!!! :P

Daniela ha detto...

Ciao Giulia...
certo che ho visto il cigno nero...infatti mi ha ispirato in parte per questo post! Uno dei film più belli che io abbia mai visto....è terrificante, io sono arrivata al punto finale che ero in un lago di sudore, e avrei detto di non resistere fino alla fine...per questo mi è piaciuto..per la forza con cui ha saputo prendermi...
Alla fine è il cigno nero che ha la meglio su quello bianco...e molto spesso è così anche per me| Non è detto che comunque nero sia negativo..semplicemente esplode nel momento in cui quello bianco, con il suo essere buono e gentile, non ce la fa più ad accumulare...

Giulia Giarola ha detto...

UUUUUUUUU tanta roba!!! infatti dalle tue parole sembrava proprio che l' avessi visto quel film... quanto cavolo è angosciante????? SPETTACOLARE! un' ansia pazzesca dall' inizio alla fine cavoli!!! *.* è vero alla fine trionfa il cigno nero e l' unico modo che ha il cigno bianco per liberarsi è la morte ma direi che non è il nostro caso!! XD ahahahahahah XD possiamo trovare delle soluzioni che siano più alla nostra portata!!! è difficile accumulare senza mai scaricare (oddio questa mi è uscita male! ahahah XD) e ogni tanto bisogna sfogarsi se no si rischia di impazzire! :P

la fenice ha detto...

Daniela!! Ma è bello così! voglio dire: in veste di angelo, sempre pronta a sorrisi, magari un pò di fiorellini qua e la, e tante felici campanelle nell'aria... Saresti noiosa.
non scriveresti facendoci ridere. non saresti te stessa. non saresti vera.
ed invece no, hai il tuo lato B, la parte cattiva ed incredibilmente divertente diciamocela tutta.
si, il cigno bianco ha il suo perchè, è carino, dolce gentile.. Ma il cigno nero.. ha il suo fascino!!
un bacio!

Daniela ha detto...

@ Fenice: quindi tanto vale tirare il collo al cigno bianco! No va bè, su un blog è difficile capire la vera personalità di qualcuno...qui è vero so essere ironicamente pungente ma ti assicuro che nella "vita reale" il cigno nero combina non pochi danni...bisogna solo trovare il giusto equilibrio e saperli tirar fuori entrambi nello stesso momento...ma così sarei un essere perfetto :) !

Posta un commento